Innovation Lab Roadshow

19-12-2018

Lo scorso 22 novembre abbiamo partecipato all’appuntamento fiorentino del Panasonic Innovation Lab Roadshow, allo Spazio Reale di San Donnino. Una preziosa occasione per conoscere novità e strategie per il mercato AV professionale.

Il Roadshow, sviluppato da Panasonic per incontrare sia i grandi clienti che i piccoli installatori, ha attraversato tutto lo stivale, facendo tappa, dopo Milano, Padova e Firenze anche a Caserta e Bari. Durante le giornate era possibile vedere (o ri-vedere) le principali soluzioni del marchio in tema di videoproiezione, ma anche assistere a un interessante programma di seminari.

Senza dare per scontate le basi della videoproiezione, e cercando di offrire una risposta alle molte domande che riguardano le più innovative sorgenti laser, la prima parte dell’appuntamento riproponeva le domande – e relative risposte – più comuni sull’argomento. Eccone alcuni esempi:

  • il laser dura di più? (sì e la curva di decadimento è costante)
  • semplifica effettivamente la manutenzione? (di solito sì, salvo ambienti molto polverosi)
  • consuma meno? (di solito sì, soprattutto per le macchine a 3 chip DLP)
  • è più costoso della soluzione a lampada (“ni”, aumenta l’investimento iniziale, ma si abbassano i costi di manutenzione)

Interessante, sempre in tema tecnico-applicativo, l’approfondimento sul rapporto tra proiezione e superficie, dalle considerazioni sulla grandezza della proiezione alle tipologie di schermi, fino al rapporto tra la luminosità ambientale e quella dell’apparecchio stesso.

Supporto e opportunità per i system integrator
Abbiamo raccolto impressioni, tendenze e strategie alla base dell’evento Panasonic dai diretti interessati incontrati a Firenze: Antonella Sciortino, Field Marketing Manager, Pro Camera Solutions Daniela Karakaci, Field Marketing Manager Visual System Solutions e Stefano Tura, Project Sales Manager di Panasonic.

Connessioni – Daniela Karakaci, come stanno andando gli appuntamenti del roadshow?
DK – Siamo molto soddisfatti. I professionisti che ci fanno visita si mostrano veramente interessati agli argomenti proposti. Anche le giornate di Milano e Padova sono andate bene, lo si può desumere dal fatto che i professionisti si sono trattenuti per l’intero arco della giornata, facendo domande e interagendo con i relatori. Dopo gli ultimi incontri ho ricevuto anche mail di ringraziamento, quindi direi che il feedback è decisamente positivo.

C – Parlando di pubblico, a chi si rivolge l’iniziativa?
DK – Principalmente ai System Integrator, ma anche ai piccoli installatori che desiderano restare aggiornati. Queste giornate rappresentano una preziosa occasione per incontrare persone con le quali non abbiamo possibilità di entrare in contatto quotidianamente. Inoltre, la parte formativa è tenuta da una figura commerciale, Stefano Tura, e da un tecnico, Fabio Farina; il mix delle due figure rende l’appuntamento “attraente” per tutte le categorie di professionisti.

C – Quali vantaggi possono trarre gli installatori da questi incontri?
DK – I professionisti AV possono approfondire le apparecchiature con cui normalmente lavorano; questo permette loro di offrire un servizio migliore e soluzioni più vicine alle necessità dei clienti. Gli appuntamenti come questo servono a togliere alcuni dubbi e ad approfondire tecnologie e applicazioni, ma non si tratta di un corso prettamente tecnico, bensì di un insieme bilanciato di teoria e pratica.

C – Antonella Sciortino, come racconta il dialogo tra settori visual, broadcast e security che segue direttamente?
AS – Le telecamere sono diventate una componente importante della filiera in cui opera oggi il system integrator più evoluto e sono spesso collegate ai nostri proiettori; questi appuntamenti sono un’occasione utile a presentare alcuni prodotti. Raggiungiamo, grazie al roadshow, le fasce di mercato cui non siamo direttamente connessi.

C – Stefano Tura, quale valore aggiunto Panasonic punta a offrire con il roadshow?
ST – Indubbiamente la possibilità di instaurare un rapporto diretto con i System Integrator e gli installatori. Se riusciamo ad avviare partnership di qualità, allora stiamo facendo bene il nostro lavoro: dobbiamo comprendere che la difficoltà principale per i professionisti oggi è quella di stare al passo con i tempi. Hanno a disposizione talmente tanti prodotti e soluzioni che necessitano di informazioni puntuali e precise, che magari a noi possono sembrare scontate, ma che risultano per loro di vitale importanza.

C – State pensando di ripetere l’esperienza in futuro?
ST – Sì, l’intenzione è di riproporre il tour italiano. Il bello del settore B2B è il rapporto di fiducia che si costruisce con il professionista. Una fiducia che va conquistata tramite supporto costante: dal mondo tecnico alla parte commerciale, passando per l’affidabilità e la positiva reputazione dell’azienda.

business.panasonic.it

Tags: , ,

ADVERTISEMENT

Credits | Privacy Policy GDPR
Copyright ©2011 Connessioni. All Rights Reserved.
Powered by ARANEUS